Numero 1007 -


La pulizia dei fabbricati tra appalto e subordinazione

Una recente decisione della Corte di Cassazione offre lo spunto per analizzare la qualificazione giuridica del servizio di pulizia prestato in favore del condominio, che, a seconda del suo effettivo atteggiarsi, può rientrare nel rapporto di lavoro subordinato o essere disciplinato da un contratto di appalto di servizi o di prestazione d'opera, tanto che, nella fattispecie esaminata, sono stati ravvisati entrambi, ovviamente in periodi temporalmente distinti. Invero l'attività degli addetti alle pulizie degli immobili urbani è riconducibile sia nella categoria del rapporto di lavoro...

Alberto Celeste
Magistrato

Consulente immobiliare

Il quindicinale che consente di muoversi con sicurezza nel settore immobiliare e dell'edilizia, da oggi ha una nuova versione digitale: scoprila!

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader