RUBRICHE

FOCUS

Sdoganato il regolamento tipo valido per tutti i comuni italiani

L'Italia sembra non avere mai abbandonato l'idea medioevale della città-stato che gestisce in maniera del tutto autonoma i propri affari e il proprio territorio; come diretta conseguenza, ciascun comune della Penisola adotta un proprio regolamento edilizio. Abbiamo 8.057 comuni, che, a dispetto dell'unità d'Italia e della parità dei cittadini di fronte alla legge, procedono in ordine sparso, ciascuno per proprio conto, per cui uno stesso intervento può essere del tutto legittimo in un comune e vietatissimo in un altro. In tale contesto l'idea di uniformare i regolamenti edilizi comunali rappresenta una vera e propria rivoluzione copernicana. A beneficiarne non saranno solo i cittadini, ma anche i tecnici (architetti, ingegneri, geometri, periti ecc.), i consulenti che operano in edilizia (notai, avvocati, tributaristi ecc.), le imprese di costruzione e le banche, che potranno finalmente utilizzare regole uniformi in tutto il Bel Paese.

IMMOBILI E CONDOMINIO

LE MAPPE

COMMENTI

Il nuovo rendiconto condominiale, la figura del revisore dei conti e la nomina del consiglio di condominio

Del rendiconto condominiale si occupano, tra gli altri, due articoli del codice civile, il 1130 e il 1130- bis , il primo modificato dalla legge di riforma del condominio (legge 220/2012), il secondo inserito ex novo con la predetta riforma. Dai richiamati riferimenti normativi si ricava innanzi tutto la circostanza per cui alla redazione materiale del rendiconto annuale provvede l’amministratore, il quale è tenuto anche a convocare l’assemblea per la sua approvazione entro 180 giorni (art. 1130, n. 10, cod. civ.). Che l’approvazione del rendiconto annuale sia una prerogativa esclusiva dell’assemblea condominiale lo ricorda pure l’art. 1135 cod. civ. il quale, tra le attribuzioni della stessa, annovera infatti l’anzidetta approvazione del rendiconto, nonché la decisione riguardante l’eventuale impiego del residuo attivo della gestione.

Property Management versus Capital Asset Management

In questo contributo offriamo una brave analisi dei possibili rapporti tra le organizzazioni di Property Management e quelle operanti nell’Asset Management. Il modello del Capital Asset Management prevede la realizzazione di accordi, alleanze, partnership, acquisizioni, il tutto al fine di favorire un’offerta estremamente ampia e di qualità di servizi integrati rispondenti a ogni tipo di problema del cliente. Un’offerta basata sull’integrazione dei servizi di Property, Facility e Asset Management: il Capital Asset Management allargato in un’unica catena gestita unitariamente può essere il modello di business vincente nel breve-medio periodo anche nel nostro Paese.

Permesso di costruire lesivo di parti comuni: impugnazione

Non è raro che un condominio, per evitare conseguenze dannose sulle parti comuni, si veda costretto a impugnare davanti alla giustizia amministrativa i titoli edilizi rilasciati a un terzo la cui proprietà si trovi nelle vicinanze del caseggiato. In tale caso, al fine di individuare il giorno dal quale decorrono i termini di impugnativa, è fondamentale verificare in quale momento i condomini abbiano acquisito l'effettiva consapevolezza del provvedimento capace di incidere negativamente sull'integrità dei beni comuni.

Responsabilità del condominio per condotta dolosa del portiere avulsa dalle mansioni affidategli

Operando i doverosi distinguo relativamente alle ipotesi contemplate dall'art. 2049 cod. civ., la Cassazione ha ritenuto il condominio non responsabile per le lesioni personali dolose causate da un pugno sferrato dal portiere dell'edificio a un condomino, in occasione dell'accesso del dipendente nell'appartamento del soggetto leso, al fine di ispezionare le tubature e quindi di escludere guasti ai beni comuni o limitare i danni da essi producibili, difettando, nella specie, il nesso di occasionalità necessaria tra la condotta causativa del danno e le mansioni esercitate, atteso che in queste non rientrava alcun caso di coazione fisica sulle persone presenti nell'edificio, né tali condotte corrispondevano, neanche sotto forma di degenerazione ed eccesso, al normale sviluppo di sequenze di eventi connesse al loro ordinario espletamento.

La ripartizione delle spese fra locatore e conduttore

Il contratto di locazione instaura un rapporto obbligatorio tra condomino e suo conduttore, che normalmente non interessa l'amministratore, se non per la convocazione in assemblea e per la ripartizione delle spese, se richiesta dal locatore, nonché per la corretta redazione dell'anagrafe condominiale. È opportuno, comunque, che l'amministratore conosca i reciproci obblighi delle parti, informazioni che possono essergli utili allorché lochi un bene comune, quale l' ex alloggio del portiere.

FISCO

La classificazione catastale è una certezza

La classificazione catastale di un fabbricato costituisce l'unico criterio oggettivo certo e quindi su tale classificazione, che prescinde dall'effettivo utilizzo del bene, va individuata la strumentalità o no dell'immobile e il suo corretto trattamento fiscale. Lo si desume dalla recente sentenza n. 22765/2016 pronunciata dalla Corte di cassazione.

PROFESSIONI

COMMENTI

DURC e iscrizione alla Cassa edile

La verifica della regolarità nei confronti della Cassa edile (ai fini del DURC) interessa non solo le imprese classificate edili ma anche quelle (non classificate come edili) che applicano il CCNL dell'edilizia, sottoscritto dalle rappresentanze sindacali comparativamente più rappresentative. E' quanto prevede il D.M. 23 febbraio 2016 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 ottobre 2016) che va a integrare il D.M. 30 gennaio 2015, istitutivo del DURC telematico. Il Ministero del lavoro ha da ultimo emanato la circ. n. 33 del 3 novembre 2016, con la quale vengono fornite le indicazione operative.

IL PUNTO SU

Elenco di tutti gli argomenti

  1. a

    Amianto

    Anticorruzione

    Antisismica

    Attività edilizia

    Amministratore di condominio

    Agevolazioni ristrutturazione edilizia

  2. c

    Calamità naturali

    Compravendita

  3. d

    Dissesto idrogeologico

    Dati statistici

    Dichiarazioni

  4. e

    Edilizia scolastica

  5. f

    Finanziamenti

    Fondi immobiliari

  6. i

    Imu

    Inquinamento ambientale

    Impianti

    Ingegneri

    Imprese di costruzione

  7. l

    Leasing

    Lavori pubblici

    Locazione ad uso abitativo

    Locazioni

    Lavoro e previdenza

  8. n

    Norme tecniche

  9. p

    Procedure edilizie

    Progettazione

    Parti comuni

  10. q

    Qualità e qualificazione

  11. r

    Regolamento edilizio

    Rendiconto condominiale

    Responsabilità del condominio

    Regime fiscale trasferimenti immobiliari

  12. s

    Società immobiliari

    Sicurezza sul lavoro

  13. t

    Tabelle millesimali

loader