Numero 1149 -


Condono edilizio: serve un parere esplicito della Soprintendenza?

Ai fini della sanatoria di un bene vincolato, il parere espresso dall'autorità preposta alla tutela deve necessariamente essere reso in forma esplicita o, più semplicemente, può essere sostituito da un parere implicito? Questo, in estrema sintesi, il quesito che viene sottoposto al giudice amministrativo relativo ad una serie di domande, collegate tra loro, rientranti nel c.d. terzo condono.

Donato Palombella
Giurista d'impresa

Consulente immobiliare

Il quindicinale che consente di muoversi con sicurezza nel settore immobiliare e dell'edilizia, da oggi ha una nuova versione digitale: scoprila!

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader